LA NOSTRA STORIA

Le discussioni su quali siano i club calcistici italiani più antichi sono controverse a causa del fatto che alcune formazioni, protagoniste degli albori del football moderno, sorsero come sezioni calcistiche di polisportive che prevedevano settori differenti per varie discipline svolte (ad esempio l’atletica leggera, la ginnastica, il ciclismo e il cricket).

E’ questo il caso della nascita della nostra squadra del cuore la cui prima storica denominazione, SPORT CLUB LUCANO, fu voluta da Alfredo Viviani, nostro fondatore e presidente.

Viviani, nato a Venosa il 22 Giugno 1889 era un impiegato postale con la passione per lo sport. Nel 1910, dopo il servizio militare, partecipò al Concorso Nazionale per Ufficiale Postale e si classificò al secondo posto; iniziò quindi a lavorare come impiegato postale a Milano. Fu corrispondente dei quotidiani “La Gazzetta dello Sport”, “Il Mattino” e “La Basilicata”, quest’ultimo diretto da Giovanni Chiummiento. Nel 1915 fu trasferito a Cosenza e solo dopo la morte della madre, avvenuta il 16 ottobre del 1918, Alfredo Viviani si trasferisce definitivamente a Potenza.

Nel 1919  insieme a Domenico Bavusi ed Alfredo Buoncristiano fonda la società polisportiva denominata Sport Club Lucano, prima società sportiva nata in Basilicata avente sezioni di Atletica Leggera e (almeno nelle intenzioni) Calcio. La leggenda narra che la creazione della polisportiva avvenne in un circolo dopolavoristico situato nei pressi dell’attuale Palazzo della Camera di Commercio. Il circolo era diretto dallo stesso Buoncristiano, potentino animato da una grande passione per le attività sportive. La prima grande guerra è appena finita e anche a Potenza c’è grande fermento per ricostruire prima di tutto il morale di un paese, l’Italia, uscito malconcio dal conflitto mondiale. Viviani parte con la sua iniziativa ed inizia a organizzare gare sportive di vario genere (corsa campestre, ciclismo, etc).

Ma per vedere giocare le prime partite di calcio il capoluogo dovrà aspettare i primi mesi del 1921 allorchè si affiliano alla polisportiva numerosi militari del 29° Reggimento di Fanteria di stanza a Potenza e formano una squadra di calcio per giocare alcuni incontri amichevoli in Basilicata ma anche nelle regioni limitrofe.

In quel periodo il campo da gioco ufficiale per i rossoblù era la Piazza d’Armi di Monte Reale che alla fine del XIX secolo era una zona di aperta campagna collegata alla città da due sentieri ed era utilizzata prevalentemente per scopi militari e agricoli. Nel 1925 l’incarico di presidente del sodalizio passa ad Alfredo Viviani che rimane in carica fino al 1937, anno della sua scomparsa.

Da questo momento in poi bisognerà aspettare il 1933/34 per vedere la squadra di calcio potentina iscritta ad un torneo ufficiale e sarà l’inizio di un feeling con il campo da gioco che durerà per oltre 80 anni fino ai giorni nostri.

Vediamo sinteticamente la storia della nostra squadra rossoblù riassunta in questa linea temporale.

1919

LA FONDAZIONE

Alfredo Viviani fonda insieme a Domenico Bavusi e Alfredo Buoncristiano la società polisportiva denominata SPORT CLUB LUCANO POTENZA

1919
1921

CALCIO D'INIZIO

Si affiliano alla polisportiva numerosi militari del 29° Reggimento di Fanteria di stanza a Potenza e formano una squadra di calcio per giocare alcuni incontri amichevoli in Basilicata ma anche nelle regioni limitrofe. Nasce ufficialmente il calcio a Potenza.

1921
1933/34

IL PRIMO CAMPIONATO

E’ l’ottobre 1933 quando i rossoblù esordiscono nel loro primo torneo ufficiale (si tratta del Campionato di Seconda Divisione Campana)

1933/34
1934

NASCE LO STADIO VIVIANI

L’ingener Gennaro Laurini progetta e realizza il “Campo del Littorio” prima storica denominazione del nostro stadio “Viviani”

1934
1934/35

LA PRIMA PROMOZIONE

Lo Sport Club Lucano viene ammesso in Prima Divisione, corrispondente all’attuale Serie C

1934/35
1937

ADDIO ALFREDO...

A soli 48 anni, scompare Alfredo Viviani il cui contributo alla rinascita post bellica dello spirito sportivo in Basilicata non verrà mai più dimenticato

1937
1948

IL PRIMO SPONSOR

La squadra gioca diversi campionati tra le serie minori prima di legare il suo nome allo stabilimento acque minerali di Monticchio che diventa uno dei primi esempi di sponsorizzazione nel calcio

1948
1958

NUOVA VITA...

Dopo alcuni anni trascorsi altalenando tra la quarta e la seconda serie nazionale, diventa presidente del nostro sodalizio Francesco Petrullo che, in pochi anni, insieme con il dottor Ferri, porterà il Potenza alla ribalta nazionale.

1958
1960/61

COMINCIA IL MIRACOLO

La squadra riassume l’antica e gloriosa denominazione di “Potenza Sport Club“ e stravince il campionato di serie D

1960/61
1963

LA PROMOZIONE IN B

Dopo aver giocato alla grande due anni in serie C la guida tecnica del Potenza viene presa da Egizio Rubino che conquista la promozione in B espugnando il campo della Salernitana.

1963
1964-65

L'ATTACCO MITRAGLIA

L’annata 64/65 è quella storicamente e calcisticamente più bella per la città. Guidato da un attacco formidabile formato da Bonisnegna, Bercellino II, Canuti, Carrera e Rosito, la squadra rossoblù arriva quinta in serie B a soli 3 punti dalla conquista della serie A

1964-65
1967-68

FINISCE IL SOGNO

Il Potenza lascia la serie cadetta chiudendo il campionato all’ultimo posto

1967-68
1968-73

GLI ANNI BUI

Sotto la guida del Presidente Sarli la squadra si lancia in spese per cercare di riconquistare la B ma finisce per cadere miseramente e addirittura retrocedere in serie D nel 1973

1968-73
1973-74

UNA NUOVA SPERANZA

Il nuovo presidente Fausto Somma ridà serenità all’ambiente e riporta il Potenza in C dopo un drammatico spareggio contro la Juve Stabia vinto grazie ad un goal del bomber Nando Scarpa.

1973-74
1974-78

SALI-SCENDI

Il Potenza retrocede nuovamente ma ritrova presto la serie C2 disputando una serie di campionati altalenanti

1974-78
1978-86

LA FINE DELLO SPORT CLUB

Il Potenza vive di risultati esaltanti ma anche di momenti di sconforto che culminano il 31 maggio 1986il fallimento dichiarato dal Tribunale di Potenza. La Lega cancella dal panorama calcistico nazionale la squadra, dopo sessantasette anni di importanti ma travagliati trascorsi.

1978-86
1987-88

IL RITORNO DEL POTENZA

L’Edil Potenza del Presidente Pietrafesa vince lo spareggio con la Pro Matera e sale in Interregionale assumendo la denominazione di “Potenza Calcio” e risalendo la china fino al 1988 quando la squadra viene inserita nella serie C2.

1987-88
1991-92

DI NUOVO LA SERIE C1

La squadra guidata da grandi giocatori come Fabio Bucciarelli, torna in serie C1 dopo 17 anni

1991-92
1994

L'ONTA DELL'ESCLUSIONE

Dopo aver sfiorato i playoff per la serie B nel 1993, la Lega, il 1° agosto 1994, esclude il Potenza dalla C1 per inadempienze finanziarie e relega la squadra rossoblù nel Campionato Nazionale Dilettanti.

1994
1994-2007

ALTI E BASSI

Dopo una serie di alti e bassi il Potenza è prima ripescato nel campionato di serie C2 nel 2004 poi nel 2006-2007 vince lo spareggio con in Benevento che lo riporterà in serie C1.

1994-2007
2008-2010

LA CADUTA...

Nel corso della stagione 2008-09 i rossoblù retrocedono in Seconda Divisione per poi essere ripescati all’inizio del nuovo campionato in Prima Divisione. Ma a Novembre del 2009 il presidente Giuseppe Postiglione alcuni dirigenti e collaboratori vengono arrestati per illecito sportivo e la squadra riparte dall’eccellenza.

2008-2010
2011-2017

...IL LIMBO...

Il Potenza continua tra alti e bassi a disputare campionati dilettantistici fino alla promozione in serie D nel 2014. La squadra passa tra le mani di diversi presidenti (fra i quali il duo Vertolomo-Vangone) fino alla salvezza del campionato 2015 che vede arrivare alle redini del Potenza gli imprenditori Ferrara e Fontana.

2011-2017
2017-OGGI

...LA RINASCITA!

La squadra viene presa in mano dal Presidente Salvatore Caiata che vince il campionato di serie D e riporta il Potenza in Lega Pro dove si gioca l’accesso ai Playoff di serie B. Il resto della storia è tutto da scrivere…

2017-OGGI

La nostra storia, un susseguirsi di trionfi e di cadute da cui ci siamo sempre rialzati con dignità ed orgoglio è, naturalmente, molto più lunga e articolata della sintesi proposta da noi qui sopra. Se volete avere una panoramica più ampia e dettagliata della storia della nostra squadra del cuore potete trovarla sul sito ufficiale del Potenza Calcio all’indirizzo http://www.calciopotenza.eu/storia